Breadcrumbs

È uscita una nuova edizione dell’Estremismo, malattia infantile del comunismo. Questo testo classico di Lenin, scritto nel 1920, da tempo era quasi impossibile da reperire. Vogliamo quindi con questa iniziativa editoriale contribuire a riempire un vuoto, proseguendo nel nostro sforzo volto a rendere disponibili testi classici del marxismo che riteniamo imprescindibili per la formazione di una nuova generazione di militanti.

 

image002

   

L’estremismo, malattia infantile del comunismo venne scritto da Lenin nell’aprile del 1920, in vista del dibattito che si apriva nei partiti comunisti verso il II Congresso dell’Internazionale comunista (estate 1920). Scopo del libro, scrive Lenin, è innanzitutto quello di mettere a disposizione dei partiti comunisti l’esperienza accumulata dai bolscevichi nei 15 anni della loro formazione politica, teorica e organizzativa. Trarre cioè dall’esperienza russa le lezioni generali, non legate alla specifica situazione russa, ma applicabili all’insieme dei partiti comunisti. Lenin osserva come la storia del partito bolscevico sia molto lodata ma poco conosciuta. Nei primi anni di vita dell’Internazionale comunista emersero una serie di concezioni estremiste e settarie, contro cui Lenin polemizza aspramente nel libro.

“I ‘comunisti di sinistra’ dicono un gran bene di noi bolscevichi. A volte vien voglia di esclamare: lodateci di meno, e cercate di capire meglio la tattica dei bolscevichi, studiatela di più!”.

Il libro affronta in termini semplici e chiari questioni quali il lavoro nei sindacati riformisti, la tattica elettorale, la questione delle alleanze e dei “compromessi”, il ruolo del partito nel movimento operaio. Al libro abbiamo aggiunto in appendice il testo completo della risoluzione sulla tattica votata dal IV congresso dell’Internazionale comunista, che costituisce un logico complemento dell’elaborazione contenuta nell’Estremismo. Completa il volume un’introduzione che inquadra sinteticamente il libro all’interno del dibattito dell’epoca.

 

 

Potete richiederlo alla redazione al prezzo di 6,00 Euro.

 

Indice


Introduzione


I. In che senso si può parlare del significato internazionale della rivoluzione russa?


II. Una delle condizioni fondamentali per la vittoria dei bolscevichi


III - Le fasi principali della storia del bolscevismo


IV. Lottando contro quali nemici in seno al movimento operaio è sorto, si è rafforzato e temprato il bolscevismo?


V. Il comunismo “di sinistra” in Germania. I capi, il partito, la classe, le masse


VI. Devono i rivoluzionari lavorare nei sindacati reazionari?


VII. Partecipare ai parlamenti borghesi?


VIII. Nessun compromesso?


IX. Il comunismo “di sinistra” in Inghilterra


X. Alcune conclusioni


Appendice:


I. La scissione dei comunisti tedeschi


II. I comunisti e gli “indipendenti” in Germania


III. Turati e soci in Italia


IV. False conclusioni da giuste premesse


Tesi sulla tattica del Comintern (5 dicembre 1922)

 

Joomla SEF URLs by Artio

Prossimi eventi


Reggio Emilia - Camera del Lavoro Reggio Sud
10.21.2014 9:00 pm - 11:30 pm
Evento facebook


Lecco - Circolo ARCI La Ferriera
10.23.2014 6:00 pm - 9:00 pm
Evento facebook

Il nostro giornale

 

fm266